FONDAZIONE A. DE MARI
CORSO ITALIA, 5/9
17100 SAVONA
TEL. 019.804426
FAX 019.8402553
info@fondazionedemari.it

Arte, Attività e Beni Culturali

Gli investimenti disposti nel settore, oltre a concorrere alla conservazione e valorizzazione del patrimonio artistico del territorio di riferimento, favoriscono, attraverso il sostegno ad enti ed associazioni che a vario titolo operano nel campo delle attività culturali e artistiche, la realizzazione di iniziative volte alla diffusione e fruizione dei valori della cultura, quali produzioni teatrali e musicali, eventi espositivi e progetti editoriali. In questo settore la Fondazione ha impiegato una parte cospicua delle proprie risorse nei vari filoni di intervento.

In particolare, fra le iniziative di recupero del patrimonio artistico del territorio si segnala:
Il restauro del Coro ligneo della cattedrale di Savona: il Coro non è solo un esemplare dell’arte roverasca, venne infatti commissionato dal cardinale Giuliano Della Rovere, successivamente papa con il nome di Giulio II e realizzato nel primo ventennio del XVI secolo, ma rappresenta un simbolo della storia, della religiosità e delle vicende economiche e sociali della città di Savona. L’intervento di restauro è stato seguito dalla realizzazione di un volume che ripercorre le vicende storiche legate all’opera e mette in evidenza la complessità della ricerca e le minuziose indagini diagnostiche che sono alla base dell’iniziativa sostenuta dalla Fondazione.
La realizzazione del Museo diocesano di arte sacra di Savona: il museo è dedicato all’esposizione di beni artistici, storici e culturali provenienti da tutto il territorio della Diocesi Savona-Noli e rappresenta uno strumento per la salvaguardia e la valorizzazione del suo patrimonio storico e di fede.
Il restauro della Pieve di Santa Maria extra muros di Millesimo: la pieve romanica, risalente all’XI secolo, è tra le più importanti testimonianze di architettura religiosa presenti in Liguria. L’intervento di restauro è stato promosso con l’obiettivo di salvaguardare i preziosi dipinti, risalenti al XV secolo, che adornano la chiesa.
Il restauro del complesso architettonico situato sulla collina del Parasio a Varazze: l’intervento finanziato è stato realizzato sulla pavimentazione della Chiesa di San Donato con l’inserimento di pannelli in vetro calpestabile che permettono la vista della preesistente chiesa medioevale scoperta durante il restauro.
Il recupero degli affreschi conservati nella chiesa di San Nicolò in Bardineto: gli affreschi restaurati, risalenti alla prima metà del XV secolo, che ricoprono interamente la parete di fondo e il presbiterio della chiesa, rappresentano un vero e proprio testo sacro, testimonianza della fede cristiana.
Il completamento dei lavori nel complesso monumentale di S. Paragorio di Noli al fine di valorizzare l’area archeologica quale supporto alla promozione turistica del territorio.

Con collaborazioni importanti e pluriennali la Fondazione sostiene le iniziative promosse da enti ed associazioni locali in campo musicale e teatrale quali:
La stagione lirica del Teatro dell’Opera Giocosa di Savona, unico in Liguria ad essere riconosciuto “Teatro di Tradizione” per aver dato impulso alle tradizione artistiche e musicali locali realizza le stagioni liriche estive alla Fortezza del Priamàr e autunnali nel Teatro Comunale Chiabrera con programmazioni volte anche alla riscoperta di titoli poco rappresentati che richiamano un crescente numero di persone.
Le iniziative dell’Orchestra Sinfonica di Savona che realizza, oltre alle stagioni concertistiche, corsi di formazione per orchestrali, un concorso di canto lirico e moderno e altre attività volte alla crescita della cultura musicale quali progetti/laboratorio che coinvolgono altre realtà come scuole e artigiani.
Altre iniziative musicali: le rassegne musicali “Musica nei Castelli di Liguria” organizzati dall’Associazione Culturale Corelli, “I Concerti di Primavera” organizzati dall’Associazione Musicale Dioniso”.
Il Festival Teatrale di Borgio Verezzi: nell’ambito delle rassegne di prosa italiane, il festival si presenta come un’iniziativa del tutto peculiare per l’elevato livello artistico degli spettacoli proposti, nonché per la particolare suggestione dei luoghi scenici in cui si svolge. L’obiettivo che si pone è innanzitutto quello della diffusione e promozione della cultura teatrale e dell’innovazione nell’espressione artistica e, in secondo luogo, la promozione del turismo in tutta la Riviera di Ponente.
Il Festival “Shakespeare in Town” organizzato dall’Associazione Culturale “Compagnia Teatrale Salamander”: si tratta di un festival shakesperiano innovativo dedicato ogni anno ad un’opera differente di William Shakespeare che viene presentata con una serie di eventi collaterali di diversa natura, non solo teatrale, in modo da coinvolgere il maggior numero possibile di persone.

Sempre nell’ambito delle attività culturali, il sostegno per l’organizzazione di mostre è un impegno che la Fondazione rinnova ogni anno.
In tale ambito si segnala:
La mostra ‘Bianco-Blu: 5 secoli di grande ceramica in Liguria’: esposizione di esemplari dell’antica tradizione ceramica ligure di eccezionale interesse storico artistico, provenienti dalle principali raccolte pubbliche e da esclusive collezioni private.
La mostra archeologica dei reperti di epoca romana e medioevale dal titolo ‘Il Tesoro svelato - storie dimenticate e rinvenimenti straordinari riscrivono la storia di Noli’. La mostra illustra i risultati delle indagini archeologiche che hanno consentito di acquisire importanti dati sullo sviluppo urbano di Noli in età altomedievale e sulle sue origini di epoca romana tali da obbligare a riscrivere la storia della città antica.
L’allestimento della collezione di maioliche del principe Arimberto Boncompagni Ludovisi. Si tratta di una collezione di oltre 200 maioliche del XVII secolo , per la maggior parte nella celebre bicromia bianco-blu, donate dal Principe Arimberto Boncompagni Ludovisi e ospitata presso la Pinacoteca Civica di Savona.
La mostra del ‘Polittico Della Rovere’ di Vincenzo Foppa. Si tratta di un’opera lignea in cui pittura, scultura e architettura si integrano vicendevolmente, che il pittore Vincenzo Foppa compì nel 1490 con l’aiuto del collega Ludovico Brea da Nizza, su commissione del cardinale Giuliano Della Rovere, futuro papa Giulio II. e viene considerato come uno dei capolavori della cultura artistica del Quattrocento dell’Italia settentrionale.
Le mostre ‘Tavole di re, dogi e borghesi’ nell’ambito del Festival della Maiolica, con l’esposizione, per la prima volta, di circa 300 opere, in gran parte inedite che documentano la raffinata produzione in biscuit di porcellana tenera e terraglia bianca all’uso inglese che si è sviluppata nelle manifatture di Savona tra gli ultimi decenni del XVIII secolo e gli inizi del XIX.

Un sostegno particolare è rivolto a quelle iniziative che contribuiscono allo sviluppo dell’immagine del territorio e della sua economia. In questa ottica si inserisce il sostegno alla ‘Italian Riviera Alpi del Mare Film Commission’, associazione che promuove il territorio della provincia e le sue risorse nel mondo dell’industria audiovisiva per favorire l’ambientazione di produzioni televisive, cinematografiche, pubblicitarie.